11 novembre: in piazza contro il governo!

Alla cortese attenzione

Redazioni della Stampa Sarda

“Una persona normodotata di intelligenza non assumerebbe mai una medicina se peggiora il suo male. Ed i provvedimenti contenuti nel piano anti-crisi del governo Berlusconi equivalgono alla somministrazione di quattro pacchetti di sigarette al giorno per curare un tumore polmonare.
La crisi del Paese affonda le sue radici nel neoliberismo e nell’esasperata finanziarizzazione dell’economia di mercato. Sarebbe questo il nodo da sciogliere. Ed invece – mentre la società boccheggia e i giovani non hanno futuro – si insiste a devastare i residui diritti del lavoro, le residue garanzie del welfare.
Dall’altra – qui in Regione – lo spettacolo indegno dell’ennesimo Piano Casa, la ostinata determinazione del centrodestra nel perseguire i propri piani di saccheggio ambientale e paesaggistico.
A noi pare del tutto evidente che stiamo respirando a pieni polmoni le scorie di un ciclo politico in pieno declino: quello di Berlusconi a Roma, quello di Cappellacci a Cagliari.
Perciò saremo in piazza con i Sindacati confederali l’11 novembre. Per aprire una nuova fase, per costruire l’alternativa”.
Cagliari, 27 ottobre 2011


Michele Piras – Coordinatore regionale SEL Sardegna